Roma Mia

Su pe’ li Monti, Trastevere e Testacci

nun s’arespira più quyell’aria de ‘na vorta

so’ tutte luci monnezze e quarche straccio

vetrine luccicose e gente smorta.

 

T’aricordi Roma quanno c’ li farsetti

s’annava ar mercatino rionale

e le donnette co’ li regazzini stretti

spennevano du’ scudi pe’ ‘n preciutto de majale?

 

Io oramai n’ummaricordo più de ‘gnente

giro co’ li colori e li pennelletti mia

pe’ metteme a disegnà ‘ste case tra la gente

 

Ma poi m’accorgo, cor magone ‘ngola

che ‘ste case so’ tutte stralunate

povera Roma mia come sei arimasta sola!