Er nasone de Piazza Navona

Quanno ciai sete l’acqua quant’è bona

te rinfresca la gola, te rifiata

quanno n’hai fatta ‘na sgargarozzata

te senti bene in tutta la persona.

 

La funtanella poi, a piazza Navona

quann’è d’estate è sempre frequentata

giorno e notte c’è sempre ‘nammucchiata

perchè la sete, a Roma nun perdona.

 

Io spesso vò a ‘sta funtanella

ce metto er dito e bevo co’ lo schizzo

o co’ la bocca sotto a garganella;

 

la sera ‘sta bevuta è ‘nparadiso

quanno ciai sete nun c’è romanella

e coll’acqua poi me ce lavo er viso