Er fiume nostro

Co’ tutto che ce sò li murajoni

ch’er Tevere s’ffossa e se sprofonna

ce nascheno sull’una e l’artra sponna,

su le scarpate e su tutti li cantoni

 

frasche, cespugli e tant’arberoni 

che sur pelo dell’acqua in pizzo all’onna

der fiume che nun è più bionna

ce fanno verde in tutte le stagioni.

 

Se sporgono sull’acqua, ch’è  ‘na fogna

pe’ specchiasse la chioma verdeggiante

ma che le voi specchià, ch’è ‘na vergogna!

 

Dice: Roma cià ‘sto miracolo de verde

che s’affaccia sur fiume ‘npo ammiccante:

ma nu lo vedi ch’è na scarica de merde!