Amore perduto

So’ ‘rmai ‘mpar d’anni che l’ho risentita

che l’ho rivista che j’ho riparlato

e dentr’ar core s’è riaperta la ferita

der sentimento: ‘sto vammoriammazzato!

 

 

La vedevo de rado, sempre de nascosto

rubbanno er tempo all’affaracci mia

‘na vorta an concerto me disse “nte conosco”

pe’ paura de qua’ vorta sulla scrivania;

 

 

so’ stati forse, l’anni mia più belli

senza cervello ma solo co’ n’intento

quello de bacialla, d’accarezzaje li capelli.

 

 

Vorrei tanto carmà ‘sto core che me dole

vorrei nun sentì più ‘sto patimento

ma me sfugge, me schiva… nun me vole!